6000 campanili: il programma al via

2064

Il Decreto del Fare prevede, tra gli altri, il Progetto 6.000 campanili che finanzierà con 100 milioni di euro 115 progetti in tutta Italia. La firma del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi da il via all’iniziativa per i primi Comuni ammessi al finanziamento.

Il fondo è destinato ai Comuni più piccoli, per agevolare la realizzazione di progetti specifici: tra le opere finanziabili vanno evidenziati con particolare attenzione gli interventi infrastrutturali di adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione di edifici pubblici (con annessi interventi relativi all’adozione di misure antisismiche) e la realizzazione e manutenzione di reti viarie e infrastrutture accessorie e funzionali alle stesse o reti telematiche di ngn e wi-fi .

“A fronte del successo di questa iniziativa – sono 3.600 i progetti presentati – in grado di mettere in moto immediatamente l’economia locale per opere infrastrutturali di piccola entitá (tra i 500mila euro e il milione) nei Comuni sotto i cinquemila abitanti, – si legge in una nota del Ministero – con una evidente riqualificazione del territorio e una significativa ricaduta occupazionale, è intenzione del Ministero e del Governo destinare nuove risorse al Programma 6.000 campanili durante il 2014 e per il 2015”.

Il progetto parte però non senza polemiche. “La pubblicazione da parte del ministro Lupi della prima graduatoria del programma 6.000 campanili ha portato in evidenza tutti i limiti dello strumento, che in commissione il Pd aveva evidenziato senza ricevere riscontri dal ministro – afferma il deputato Enrico Borghi, capogruppo Pd in commissione ambiente, lavori pubblici e infrastrutture della Camera – L’esaurimento della graduatoria al 24° posto, la sostanziale assenza di Regioni significative (Toscana ed Emilia Romagna hanno un unico progetto a testa selezionato ad esempio, come la Valle d’Aosta ricca di piccoli comuni), la totale casualitá nella redistribuzione di risorse a scapito totale di ogni logica qualitativa impongono una revisione di questa modalitá che affida alla roulette il compito di attribuire importanti risorse pubbliche. Se a ciò aggiungiamo che sono in arrivo ulteriori dotazioni finanziarie destinate esclusivamente alle regioni del Sud, si fa concreto il rischio che alla casualitá e occasionalitá si aggiunga anche la sperequazione territoriale”.

Intanto pare che al programma farà seguito un secondo decreto che permetterà di destinare i 50 milioni di euro messi a disposizione del Patto di Stabilità, ad una seconda graduatoria di 60 Comuni. Ecco l’elenco degli interventi finanziati fin’ora.

 

Foto credit: Anna Fox

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA