Il restauro che uccide il Colosseo?

3805
Pubblichiamo di seguito l’interessante articolo uscito ieri su il manifesto, che condivide un allarme di un gruppo di restauratori sui lavori di restauro del Colosseo.

Un restau­ra­tore che abbia messo le mani sulla Cap­pella Sistina, il Duomo di Orvieto o su un dipinto di Leo­nardo, è pro­ba­bile che in Ita­lia resti disoc­cu­pato. A lungo pure. Eso­dato o, meglio, «esi­liato». Non per­ché non ci sia lavoro — sarebbe un para­dosso qui — ma per­ché costretto a rima­nere in fine­stra, a guar­dare altri sog­getti all’opera, pur se non qua­li­fi­cati. Dovrà fare i conti con una nuova iden­tità: quella di una figura pro­fes­sio­nale che ha dato lustro al suo paese e che oggi è emar­gi­nata. Con tanto di Cesare Brandi get­tato alle ortiche.

Così, un con­sor­zio come Arké, che pre­senta nel suo cur­ri­cu­lum, inter­venti sulla fac­ciata di san Luigi dei Fran­cesi, Palazzo Far­nese, Tri­nità dei Monti e le fon­tane di piazza Navona (a Roma) e ha appena ter­mi­nato di lavo­rare sugli affre­schi di Mat­teo Gio­van­netti (nel Palazzo dei Papi, ad Avi­gnone), da qual­che anno non rie­sce più ad aggiu­di­carsi le gare di appalto dei restauri di monu­menti e opere archi­tet­to­ni­che. Per quale motivo? Per­ché imprese come que­ste ven­gono sca­val­cate dalle OG2, quelle gene­rali per l’edilizia.

Quando sono stati tolti i pon­teggi al Colos­seo, le arcate inte­res­sate dai nuovi lavori hanno mostrato gli scarsi risul­tati. All’inizio, le prime tre erano state affi­date a ditte spe­cia­li­sti­che, con un can­tiere pilota e le indi­ca­zioni delle meto­do­lo­gie cor­rette da seguire. La dif­fe­renza balza agli occhi (ma si può «car­pire» in qual­siasi calen­da­rio turi­stico del 2015 con le imma­gini dell’Anfiteatro Flavio).

Il pro­blema, infatti, non è solo pulire un monu­mento, ma «come» que­sta ope­ra­zione viene con­dotta. Ancora una volta, rispetto al patri­mo­nio, è l’atteggiamento cul­tu­rale (o l’ignoranza) a det­tare legge. Un atteg­gia­mento che si tra­sforma in eco­no­mico: se sull’immediato i mar­gini di gua­da­gno sono più alti per una impresa gene­rale di edi­li­zia (costretta, peral­tro, ad assu­mere restau­ra­tori o a pro­durre subap­palti), un lavoro fatto male mette in serio peri­colo il bene stesso. Mina alle basi la sua futura con­ser­va­zione e, un giorno, si dovrà spen­dere di più per «met­terlo in sicu­rezza», sem­pre che sia ancora possibile.

Non è una que­stione da poco. E non c’è riforma di Fran­ce­schini né pro­clami sulla valo­riz­za­zione che ten­gano se non si risolve que­sto «nodo». Il Colos­seo, pro­prio per la sua rap­pre­sen­ta­ti­vità, è diven­tato il pro­ta­go­ni­sta di una bat­ta­glia con­dotta dai restau­ra­tori. La loro arma è stata una let­tera pub­blica – primi desti­na­tari il mini­stro Dario Fran­ce­schini e il Pre­si­dente del Con­si­glio di Stato (che respinse il ricorso sulla legit­ti­mità delle ditte edili nel restauro, ndr). Il dibat­tito è aperto: i beni cul­tu­rali rien­trano nella cate­go­ria dei «beni comuni», oltre a costi­tuire un palin­se­sto della memo­ria, da tramandare.

Manuela Mican­geli, pre­si­dente del con­sor­zio Arké è ama­reg­giata, ma anche decisa a pro­se­guire nella bat­ta­glia. «Il Colos­seo doveva essere un esem­pio mon­diale: per­ché but­tarlo via così? I restau­ra­tori ita­liani sono una cate­go­ria rico­no­sciuta inter­na­zio­nal­mente, abbiamo inse­gnato noi ed espor­tato ovun­que la pra­tica di que­sto mestiere. Il lavoro sull’Anfiteatro Fla­vio avrebbe dovuto essere otti­male, il più bello di tutti…».

Invece, non è andata pro­prio così. Il Colos­seo mostra un restauro non corretto?

Anche se il tra­ver­tino è mate­riale resi­stente, ogni super­fi­cie lapi­dea è porosa e sen­si­bile. La domanda è: per quale ragione è stato fatto un bando dedi­cato alle imprese OG2, com­po­sta da mastri e geo­me­tri che sovrin­ten­dono ai lavori, lasciando fuori le imprese spe­cia­li­sti­che? Le ditte gene­rali di edi­li­zia, oltre­tutto, sono costrette ad assu­mere restau­ra­tori per svol­gere il com­pito affi­da­to­gli. Pen­sano che si risolva così il gap ini­ziale, ma non basta ricor­rere a una per­sona qua­li­fi­cata. È impor­tante il livello omo­ge­neo dell’intervento, serve un esperto che abbia una visione d’insieme.

Il man­te­ni­mento su grandi aree di un livello omo­ge­neo è dif­fi­ci­lis­simo. Con la nebu­liz­za­zione e le spaz­zole mec­ca­ni­che è facile sia «sfon­dare» che fer­marsi troppo in super­fi­cie. La parte sco­perta (dove c’erano i pon­teggi, ndr) dell’Anfiteatro Fla­vio dimo­stra che il monu­mento è rima­sto mac­chiato. Alcuni punti sono troppo puliti, altri troppo spor­chi. Non sono rac­cor­dati, non c’è nes­suna armo­nia e ne risente anche l’architettura. Le tec­ni­che per la puli­tura, oggi, sono mol­te­plici: non esi­ste solo la nebu­liz­za­zione. Oltre­tutto, l’uso dell’acqua va ben dosato per­ché, se vigo­roso, porta alla super­fi­cie rug­gini, pezzi di ferro, rischia di far scop­piare altri mate­riali che spesso si tro­vano nelle archi­tet­ture anti­che. Insomma, scor­tica la «pelle» che rive­ste il marmo. Se poi si passa la spaz­zola di sag­gina con forza, si rischia di can­cel­lare qual­siasi trac­cia sto­rica, com­presa quella della lavo­ra­zione stessa del monumento.

Nei casi più deli­cati, si può uti­liz­zare l’atomizzazione. C’è anche la sep­pio­lite al posto dell’acqua: è un’argilla con alto potere assor­bente, che serve per estrarre le mac­chie. Sono diverse, quindi, le sostanze non tos­si­che per il monu­mento a cui ci si può rivolgere.

Qual è il giu­sto livello di puli­tura in un’opera d’arte?

Quello che con­serva la parte di auten­ti­cità. Se dal marmo viene grat­tata via del tutto la patina, diventa troppo bianco, perde il suo invec­chia­mento natu­rale, i rilievi e la leg­gi­bi­lità dei con­tra­sti. Anche la con­ser­va­zione subi­sce un con­trac­colpo e va in sof­fe­renza: togliendo la prima pelle, quel monu­mento sarà espo­sto, diverrà più fra­gile e il suo depe­ri­mento sarà più veloce. Resi­sterà meno agli attac­chi del tempo. La nebu­liz­za­zione usata male fa danni. La deli­ca­tezza di un restau­ra­tore è impor­tante anche per quanto riguarda l’approccio cono­sci­tivo. Da un restauro ven­gono fuori noti­zie fon­da­men­tali che, a un occhio meno attento, pos­sono sfug­gire. Se poi addi­rit­tura quelle infor­ma­zioni si can­cel­lano, il pro­ce­di­mento è irre­ver­si­bile e tutto va perduto.

Cosa è acca­duto per arri­vare a que­sta pro­gres­siva «espul­sione» del restauratore?

Ave­vamo già pre­sen­tato un ricorso per il caso del Tem­pio di Anto­nino e Fau­stina. Fino alla metà degli anni Novanta, i lavori nell’area archeo­lo­gica dei Fori (il restauro dell’Arco Set­ti­mio, di Costan­tino) veni­vano affi­dati a imprese spe­cia­li­sti­che di restauro. Il punto nevral­gico resta, quindi, l’affidamento rico­no­sciuto a ditte edili, che poi subap­pal­tano a restau­ra­tori, dato che non hanno — al loro interno — quel genere di com­pe­tenza. Il Tem­pio Anto­nino ha marmi poli­cromi romani, è un’architettura che pre­senta par­ti­co­lari pre­gia­tis­simi, ma il Con­si­glio di Stato rigettò il nostro ricorso sulla base di una rela­zione for­nita da un gruppo di archi­tetti, che avallò la pro­ce­dura di gara.

Le imprese di restau­ra­tori sono for­mate da squa­dre di spe­cia­li­sti che lavo­rano insieme da molti anni, hanno alle spalle com­mis­sioni impor­tanti e grande espe­rienza. Non c’è motivo di lasciare morire que­sta cate­go­ria d’accellenza.

Arianna Di Genova
Articolo pubblicato il 21 gennaio 2015 su il manifesto.

Foto credit: Bert Kaufmann

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA