Gli studi del laboratorio Ricerca & Sviluppo sui sistemi Quakeproof Magistra

152

Il laboratorio di Ricerca & Sviluppo di Tradimalt è da sempre impegnato a pieno regime nell’attività di innovazione tecnologica, avvalendosi di partner come l’Università degli studi di Catania con la quale ha istituito nel tempo varie convenzioni di ricerca.

Una delle più fruttuose è stata quella per effettuare una campagna di prove su materiali per investigare il comportamento di tipologie di rinforzo su diversi prototipi di muratura tipici di edifici esistenti nel territorio siciliano. In particolare è stata organizzata una campagna d’indagini su prototipi di dimensioni rappresentative ed effettuate le relative prove di caratterizzazione.

L’attività di laboratorio ha riguardato diverse prove di compressione diagonale su pannelli murari di varie tipologie. Le modalità di prova e di interpretazione dei risultati sono state eseguite secondo le seguenti norme internazionali:
– ASTM, 2007. ASTM E 519-07: Standard test method for diagonal tension (shear) in masonry assemblages, American Society for Testing and Materials;
– RILEM, 1994. RILEM TC 76-LUM: Diagonal tensile strength tests of small wall specimens, International Union of Laboratories and Experts in Construction Materials, Systems and Structures, London, UK.

In aggiunta a queste attività, avvalendosi questa volta della partecipazione dell’Università di Messina, sono stati formulati i mix design delle malte per la futura commercializzazione di sistemi di rinforzo avanzati e di calcestruzzi fibrorinforzati. I calcestruzzi fibrorinforzati sono costituiti da una matrice cementizia additivata con fibre corte discontinue, cui può aggiungersi armatura ordinaria o da precompressione.

La sperimentazione si è in questo caso focalizzata su tutte le prove di caratterizzazione meccanica della matrice inorganica che sono stati successivamente testati su elementi strutturali in scala reale.
Il personale tecnico del laboratorio R&S ha preparato diversi lotti variando sia la percentuale in peso che le tipologie di fibre, al fine di ottenere la migliore matrice possibile sotto il profilo delle prestazioni meccaniche.

Parallelamente alle prove per lo sviluppo di sistemi di rinforzo avanzati, sono previste prove su altri elementi strutturali, rappresentative delle tecnologie costruttive utilizzate alla fine degli anni 60.
Queste consistono in travi di calcestruzzo armato con o senza rinforzo di matrice inorganica FRCM. Il layout indicativo di prova, descritto nell’immagine successiva, è composto da una trave fortemente armata a flessione in modo da disaccoppiare la rottura a flessione rispetto quella a taglio che rimane la tipologia di collasso che si vuole
investigare.

Casistiche

Gli interventi di recupero e restauro di edifici in muratura e calcestruzzo ammalorati, obsoleti e danneggiati da eventi calamitosi richiedono l’utilizzo di materiali particolarmente idonei, che garantiscano la piena efficacia dell’intervento per un recupero strutturale adeguato con un miglioramento statico e sismico significativo, ma anche, per le murature in particolare, nel rispetto dei parametri della conservazione quali compatibilità, reversibilità, traspirabilità e durabilità.

Il rinforzo strutturale che si esegue principalmente nelle murature e nei calcestruzzi, anche di dimore storiche e Beni Culturali, consiste nell’incrementare la resistenza e la duttilità di muri portanti, pilastri, volte e archi in muratura e calcestruzzo, correlato con altri interventi strutturali come la messa in sicurezza di pannelli murari portanti, particolarmente vulnerabili sismicamente. Inoltre, si utilizzano le migliori tecnologie al fine di migliorare le caratteristiche meccaniche di strutture danneggiate e dissestate.

Un elenco non esaustivo dei principali interventi catalogato in base alla tecnologia di rinforzo è disponibile a seguire:

CRM

CONSOLIDAMENTO MURATURE STORICHE E MASCHI MURARI

FRCM

INCREMENTO DI RESISTENZA DI PANNELLI MURARI PORTANTI, PILASTRI, ARCHI, VOLTE IN MURATURA

MESSA IN SICUREZZA DI PANNELLI DI TAMPONAMENTO, PANNELLI MURARI PORTANTI SOGGETTI AD AZIONE SISMICA

RINFORZO A PRESSOFLESSIONE E TAGLIO DI PANNELLI MURARI

CONFINAMENTO DI ELEMENTI STRUTTURALI

MIGLIORAMENTO ALLE AZIONE ESTERNE ORTOGONALI AL PIANO DEL PANNELLO

COLLEGAMENTI DI ELEMENTI COLLABORANTI ALLE AZIONI ESTERNE ANCHE A MEZZO PRETENSIONAMENTO DEI TESSUTI IN ACCIAIO

RINFORZO DI ELEMENTI IN CALCESTRUZZO E C.A. QUALI TRAVI, PILASTRI, SOLAI, MURI DI SOSTEGNO, SUPERFICI VOLTATE (GALLERIE).

CONSOLIDAMENTO MURATURE STORICHE

FRP

RINFORZO A FLESSIONE,TAGLIO E TORSIONE DI TRAVI E SOLAI IN C.A. E C.A.P. ANCHE DI GRANDI LUCI

RINFORZO PER CONFINAMENTO A CARICO ASSIALE E PRESSOFLESSIONE DI COLONNE E PILASTRI

INCREMENTO DI DUTTILITÀ PER MIGLIORAMENTO E ADEGUAMENTO ANTISISMICO QUALI NODI TRAVI-PILASTRO

INCREMENTO DI RESISTENZA AGLI URTI E RIDUZIONE DEI MECCANISMI DI COLLASSO DI TIPO FRAGILE FRP SYSTEM

COLLEGAMENTI DI ELEMENTI COLLABORANTI AD AZIONI ESTERNE

REALIZZAZIONI DI CORDOLI A LIVELLO DI SOLAIO E DI COPERTURA

REALIZZAZIONE DI FASCE ANTIRIBALTAMENTO PER AZIONI FUORI DAL PIANO MURARIO

ELEMENTI RESISTENTI PER AZIONI SISMICHE NEL PIANO E FUORI DAL PIANO MURARIO

RIDUZIONE DEGLI EFFETTI DI ELEMENTI SPINGENTI

RINFORZO DI TRAVI E SOLAI LIGNEI

RINFORZO DI TRAVI E PILASTRI IN ACCIAIO

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA