Tzunami Superbonus: cosa dicono i dati

1642

Confermata l’intenzione del Governo di limitare sia il Superbonus che il bonus barriere architettoniche. La commissione Finanze della Camera ha completato l’esame della legge di conversione del decreto Salva-spese bocciando tutti gli emendamenti presentati.

Niente proroga di due mesi, niente SAL straordinario e nessun cambiamento sulle restrizioni al Bonus Barriere architettoniche. Il DL Superbonus arriva in Aula nella sua versione originale. Il testo in esame, infatti, è esattamente identico a come il Governo lo aveva approvato alla fine del 2023, nell’ultimo Cdm dell’anno. Non è improbabile un ricordo alla fiducia. Soprattutto se si tiene conto che, durante l’iter in commissione, non è stata accolta nessuna proposta dell’opposizione. Nonostante su alcuni emendamenti ci fosse una convergenza bipartisan.

Evidenziato anche dal Sole24ore dal decreto, arriva anche il forte ridimensionamento del bonus barriere architettoniche: dal 2024 non è più applicabile a infissi e rifacimento dei bagni ed è cedibile solo in casi molto limitati.

Su questo il Parlamento non ha portato correzioni neppure minime
. Così come non è intervenuto per riaprire, anche in maniera limitata, i termini del Superbonus, almeno per i cantieri in fase avanzata a fine 2023. Con questo passaggio, insomma, si chiude il percorso dell’agevolazione al 90 o al 110 per cento“.

Facciamo chiarezza: com’è nato il Superbonus

Nel secondo semestre del 2020 con il Decreto Rilancio, DL 34/2020, venne introdotto il Superbonus. Una misura che stabiliva un aumento temporaneo, al 110%, delle detrazioni dall’Irpef previste per alcune tipologie di lavori volti ad aumentare l’efficienza energetica degli edifici e a ridurre il rischio sismico.

Come ben ricorda Andrea Orlando, ex ministro e parlamentare del Partito Democratico, sulle pagine di Fanpage inizialmente doveva essere utilizzabile per gli interventi realizzati tra il momento della sua introduzione e la fine del 2021.

L’incentivo è stato prorogato con varie modifiche a dicembre 2022 e poi nel 2023, con alcune eccezioni, con la stessa aliquota di detrazione e poi con aliquote decrescenti nel tempo fino al 65%.

La legge, quindi, è sì del maggio 2020, ma solo nel secondo semestre del 2021 la procedura è stata uniformata. Pertanto prima del 2022 le imprese non hanno iniziato a partire con i lavori. Non è un caso se, come sottolinea Orlando, “nel 2021 il 110% ha sviluppato un fatturato minimo“.

Bisogna anche considerare che sono stati fatti nel tempo 21 diversi interventi del legislatore a modifica della norma. Una condizione che ha alimentato disagio e incertezza tra gli operatori e le famiglie.

Che impatto economico ha avuto il Superbonus

Il report Nomisma, pubblicato a luglio 2022, ha evidenziato che l’impatto economico complessivo del Superbonus è stato di 195,2 miliardi di euro. Nello specifico: un effetto diretto di 87,7 miliardi, 39,6 miliardi di effetti indiretti e 67,8 miliardi di indotto.

La crescita del Pil nel 2021 e nel 2022 è stata trainata dalla domanda interna, soprattutto nella parte degli investimenti (+9,4% per il 2022) e circa un terzo è attribuibile all’edilizia (32,9% nel 2021 e 30,8% nel 2022). Un elemento che ha consentito di abbassare il rapporto Debito/PIL dell’Italia.

L’Ufficio Parlamentare di Bilancio (UPB) ha condotto un’analisi sul profilo distributivo dei bonus ristrutturazioni e dell’Ecobonus ordinario fino al 2020, evidenziando che queste misure presentavano un “profilo regressivo“. Ciò conferma che tali agevolazioni favorivano maggiormente i contribuenti con un patrimonio immobiliare e un alto reddito, in quanto potevano scomputare le detrazioni dal debito di imposta grazie alla disponibilità di liquidità e capacità fiscale sufficienti.

Tuttavia, per quanto riguarda il Superbonus 110%, l’UPB ha sottolineato che l’elevato tasso di agevolazione, lo sconto in fattura e la possibilità di cedere il credito permettevano di superare il limite dell’incapienza fiscale.

L’incapienza fiscale si verifica quando l’imposta lorda del contribuente è inferiore alle detrazioni o quando il reddito imponibile è particolarmente basso da non permetterne le deduzioni spettanti dalla normativa fiscale.

Di fatto circa 2 milioni di italiani con reddito medio-basso beneficeranno del Superbonus. E questo lo rende di fatto un provvedimento accessibile a famiglie in condizioni economiche più difficili.

Quanto è costato allo Stato il Superbonus

A luglio 2022, Ance ha effettuato un’elaborazione, partendo da una stima di circa 1,3 milioni di unità abitative coinvolte e una corrispondente spesa agevolata di 57,4 miliardi. Ne emerge che in questa situazione le entrate dirette nel bilancio dello Stato per i lavori effettuati ammonterebbero a 25,8 miliardi.

In parole povere, se lo Stato spendesse 57 miliardi (per 1,3 milioni di unità abitative) per finanziare i bonus, ne incasserebbe direttamente 26 miliardi, ovvero il 47% della spesa complessiva.

Questa percentuale del 47% di entrate per lo Stato su 100% di lavori derivano dall’Iva, dai redditi pagati agli operai di quei cantieri, dai prodotti utilizzati, dalle parcelle dei professionisti e dai redditi degli imprenditori.

Prendendo invece in considerazione anche gli effetti indiretti degli interventi e quelli da essi indotti (ad esempio derivanti dalla produzione dei materiali impiegati), arriviamo a risultati molto più rilevanti e, certamente, più vicini al vero con una percentuale di entrate per lo Stato pari a circa il 74%“.

Il problema delle truffe

A marzo 2023 il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, in un’audizione alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato, aveva reso noto che l’attività di analisi e di controllo dell’Agenzia e della Guardia di Finanza aveva permesso di individuare “un ammontare complessivo di crediti d’imposta irregolari pari a circa 9,5 miliardi di euro“.

La stima pubblicamente disponibile dell’Agenzia delle Entrate sulle truffe dei bonus edilizi è quella resa nota a marzo 2023: 3,7 miliardi di euro sono crediti d’imposta sequestrati dall’autorità giudiziaria; mentre circa 2,6 miliardi di euro si riferivano a “crediti irregolari” che erano stati sospesi e scartati, “impedendo così il verificarsi di danni erariali“. I restanti miliardi erano oggetto di indagini o di richieste di sequestro preventivo. Si tratta di truffe non riferibili solo al Superbonus.

Nel febbraio 2022, infatti, l’Agenzia delle Entrate aveva comunicato che solo il 3% dei crediti utilizzati nelle truffe si riferivano al 110% mentre l’80% riguardava il bonus Facciate e l’Ecobonus.



Credit Photo: Pixabay

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA