Edifici abbandonati, nuova proposta di legge

2745
Unicode

Favorire la riqualificazione di zone urbane degradate attraverso un fondo da 400 milioni di euro che finanzi l’autorecupero di immobili abbandonati da parte dei cittadini. È questo l’obiettivo della proposta di legge del Movimento 5 Stelle presentata lo scorso febbraio, ma molto simile a quella presentata lo scorso anno.

Lo scopo primario è quello di creare nuovi alloggi senza consumo di suolo, migliorando la sicurezza statica e le prestazioni energetiche di edifici in condizioni di degrado.

Nella proposta di legge si istituisce un Fondo di 400 milioni di euro (10 milioni per il 2017 e 390 milioni di euro per il 2018) destinato all’autorecupero degli immobili abbandonati.

Il finanziamento è previsto secondo il disegno di legge per l’acquisto di materiali, costi di progettazione, procedure di gara e certificazioni. Le risorse arriveranno dalla riduzione della percentuale di deducibilità degli interessi passivi delle banche e altri enti e società finanziari nonché dalla rideterminazione del valore della produzione netta delle banche e di altri enti e società finanziarie.

I Comuni dovranno censire entro due anni gli immobili ed emanare un bando con le opere da eseguire e i requisiti per ottenere l’incarico. Saranno a carico del Comune gli interventi strutturali di messa in sicurezza statica e riduzione della vulnerabilità sismica.

Opere interne agli immobili, comprese quelle relative agli impianti interni e alla loro messa a norma, e tutte le altre opere non relative alle parti comuni e strutturali degli immobili sono invece di competenza dei gruppi di auto recupero che potranno ricorrere a ditte o a professionisti esterni, con particolare riferimento alle piccole imprese e agli artigiani presenti nel territorio.

Foto credit: Franco Dal Molin

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA