Klimahouse 2023: l’edilizia tra innovazione e sostenibilità

758
Future Hub a Klimahouse
Credit foto: Interni Magazine

Dall’8 all’11 marzo 2023 si terrà a Fiera Bolzano la 18esima edizione della kermesse dedicata al risanamento e all’efficienza energetica in edilizia

4 giorni, 400 espositori e più di 100 eventi in programma: questi i numeri di Klimahouse 2023, una delle principali fiere a livello internazionale per il costruire e l’abitare sostenibile. Economia circolare, sviluppo di moduli prefabbricati e case smart sono alcune delle tendenze che stanno tratteggiando il futuro del settore delle costruzioni e che verranno affrontate da tecnici e progettisti durante la manifestazione.

La sfida di questa edizione, come già per quella del 2020, è porre la tecnologia al servizio dell’edilizia, cogliendo le opportunità offerte dalla digitalizzazione. Tra i diversi eventi divulgativi e formativi, infatti, trova spazio il Future Hub dedicato ai prodotti d’avanguardia e alle startup, dove verranno presentati nuovi sistemi digitali per la gestione intelligente dei cantieri.

Le tematiche discusse durante Klimahouse 2023 saranno quattro nello specifico. Non mancherà il focus sul legno, materiale green protagonista della fiera, ma il discorso sarà affiancato dalle ultime novità metodologiche e tecnologiche del settore edile.

Innovazione, sfida energetica e social housing saranno infatti gli altri leitmotiv, raccontati secondo il principio cardine di Klimahouse per cui “costruire bene significa anche vivere meglio”.

Un dibattito trasversale

Klimahouse 2023 è l’appuntamento per i progettisti, gli architetti e i tecnici desiderosi di sbirciare gli edifici del futuro. Da sempre la fiera sintetizza innovazione e sostenibilità e anche quest’anno lo fa attraverso i temi sopra citati.

Innovazione in edilizia

È la tematica che trova in Klimahouse la sua espressione più alta. La manifestazione si pone come una vetrina per i nuovi prodotti e sistemi del comparto edile. Tra gli ultimi arrivati che verranno presentati quest’anno si parla già di materiali per l’isolamento ai serramenti, impiantistica per la climatizzazione e la qualità dell’aria e soluzioni tecnologiche digitali per la gestione intelligente delle abitazioni.

Il programma prevede anche la promozione e la premiazione delle aziende più innovative, che saranno riconosciute proprio con il Klimahouse Prize.

Sfida energetica

Il caro energia e la lotta al cambiamento climatico spingono il settore delle costruzioni ad abbandonare i combustibili fossili a favore delle fonti rinnovabili. Attraverso il dibattito si cercherà di comprendere il modo di affrontare l’aumento dei costi energetici e l’integrazione di diverse fonti di energia, verso un futuro sempre più autosufficiente.

La missione è quella di efficientare il vetusto ed energivoro patrimonio edilizio italiano. Secondo i dati Enea, nonostante il miglioramento trainato dal Superbonus, il 58% degli edifici nel nostro Paese rientra ancora nelle classi energetiche peggiori (F e G).

Social Housing

Avviare esperienze di housing sociale è il modo più efficace e intelligente per rendere economicamente accessibile l’edilizia sostenibile. Negli ultimi anni l’edilizia sociale residenziale è diventata una priorità a livello europeo e, in linea con le necessità contemporanee, intende mettere in primo piano gli stessi valori che guidano lo sviluppo di un nuovo modo di costruire: risparmio energetico, basso impatto ambientale e comfort abitativo.

Il motto di Klimahouse: Costruire bene per vivere bene
Credit foto: Infobuild Energia

Verso una gestione intelligente

In edilizia innovare significa ripensare i modelli già consolidati per vincere le attuali sfide ambientali e climatiche e soddisfare le nuove esigenze di risparmio energetico e comfort abitativo.

Negli ultimi anni le tecnologie digitali si sono fatte via via più pervasive e hanno permesso lo sviluppo di un approccio edilizio complesso, basato sull’innovazione a 360° di tutti gli ambiti coinvolti. Metodi di progettazione, tecniche costruttive, materiali a basso impatto e salubrità degli ambienti sono le dinamiche che caratterizzano, oggi, la progettazione e la realizzazione di smart building e cantieri.

Complici il caro energia e il Superbonus, il 2022 ha visto crescere gli investimenti in soluzioni per l’efficienza e l’elettrificazione dei consumi. Per i prossimi anni il Rapporto sull’Efficienza Energetica degli Edifici redatto da Enea prevede una crescita più marcata delle piattaforme digitali per la gestione, il controllo e l’automazione, sotto il segno di un futuro “smart”.

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA