Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni: in vigore dal 22 marzo 2018

3084

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo delle nuove Norme Tecniche delle Costruzioni. Non erano più state aggiornate dal 2008.

Il decreto, firmato dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, e dal Ministro dell’interno, Marco Minniti, entrerà in vigore il 22 marzo 2018. A 30 giorni, cioè dalla sua pubblicazione ufficiale.

A breve dovrebbero essere pubblicate anche la Circolare esplicativa, e le Appendici agli Eurocodici 2018.

Le nuove NTC 2018 riguardano la realizzazione, il collaudo di nuove costruzioni o per la riqualificazione di quelle già esistenti.

Le novità più importanti si riferiscono alle norme antisismiche per strutture da riadeguare e i materiali dell’edilizia. Su leggioggi.it, in particolare, si evince che:

  • sono state semplificate le norme sulla messa in sicurezza degli edifici esistenti;
  • sono state introdotte nuove regole sugli interventi di miglioramento;
  • i materiali da costruzione, utilizzati per uso strutturale, devono rispondere a determinati coefficienti di sicurezza. Questi coefficienti non sono altro che delle formule che determinano le caratteristiche degli elementi portanti.

Come riporta ingegneri.info i commenti non sono del tutto positivi. La Federbeton, federazione di settore delle associazioni della filiera del cemento, definisce le nuove norme tecniche come un incentivo per un mercato più qualificato. Ma ne evidenzia alcune criticità.

“Sembra, infatti, che la sua applicazione nei tempi previsti – in tempi ristretti e con progetti che si accavallano tra vecchie e nuove Norme – potrebbe generare alcune difficoltà, soprattutto perché il quadro regolamentativo non è ancora completo. Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici sta, infatti, lavorando alla stesura della Circolare esplicativa e di alcune Linee guida che hanno l’obiettivo di fornire istruzioni operative per la corretta applicazione delle Norme.”

Il presidente Sergio Crippa ha poi aggiunto che questo provvedimento, atteso da 10 anni, rappresenta: ” un vantaggio importante ovvero il riconoscimento dei propri sforzi per il pieno rispetto delle regole, in un mercato nel quale la perdurante crisi ha acutizzato comportamenti superficiali ed evasivi lungo tutta la fase di realizzazione delle opere.”

 

 

 

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA