Qualità dell’abitare: 854 milioni di euro per Regioni, Città metropolitane, Comuni

150

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto che assegna gli 853,81 milioni di euro del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”.

Obiettivi degli investimenti: la riqualificazione e la crescita del patrimonio residenziale sociale, la rigenerazione del tessuto socio-economico, l’incremento dell’accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione degli spazi e immobili pubblici, il miglioramento della coesione sociale e della qualità della vita dei cittadini.

Beneficiari del programma

Destinatari del bando saranno Regioni, Città metropolitane, Comuni sedi di città metropolitane, Comuni capoluoghi provincia, Comuni con più di 60.000 abitanti e Città di Aosta. Escluse la Regione Trentino Alto Adige e/o le province autonome di Trento e Bolzano e i relativi Comuni.

Ogni proposta ammessa al finanziamento avrà un contributo massimo di 15 milioni di euro. Il numero massimo di proposte che ciascun soggetto proponente può presentare è 3. 

Cosa finanzia il bando

Il bando finanzia interventi:

– di rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici non utilizzati, dismessi e degradati, anche destinati a usi temporanei;

– per incrementare l’accessibilità materiale, immateriale e la sicurezza, sia degli edifici che degli spazi, le dotazioni territoriale e i servizi di prossimità;

– di riqualificazione di quartieri di edilizia residenziale pubblica, di incremento di alloggi di edilizia residenziale sociale, compresi la realizzazione e l’acquisto di alloggi da utilizzare a rotazione per le assegnazioni temporanee;

– su immobili che sono già stati in passato oggetto di finanziamento pubblico purché si tratti di interventi a completamento degli stessi ovvero su altre parti, purché connesse fisicamente e funzionalmente alla proposta di programma di rigenerazione;

– di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ristrutturazione urbanistica (di cui all’art. 3, comma 1, lettere b), c), d) e f) del d.P.R. 380/2001); gli interventi di nuova costruzione (di cui alla lettera e)) possono essere ammessi a finanziamento solo in maniera residuale e per specifiche operazioni di densificazione;

– di auto-recupero;

– coerenti con quelli del Programma integrato di edilizia residenziale sociale ed interventi di edilizia residenziale sociale nei territori danneggiati dai sismi 2016/2017 (di cui alla delibera CIPE 22 dicembre 2017 n. 127).

Sono ammesse a finanziamento:

– le spese tecniche di progettazione, di verifica, validazione, direzione dei lavori, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, collaudo, relative alla realizzazione dell’intervento oggetto della proposta e previste nel quadro economico;

– le spese per gli imprevisti per un massimo del 10% del costo totale dei lavori e forniture di cui è richiesto il finanziamento e solo se inserite nel quadro economico.

I prossimi step

gli enti proponenti possono accreditarsi alla piattaforma per prendere visione del fac-simile dell’istanza e dei dati richiesti dalla procedura. A partire da oggi 17 novembre, sono programmati webinar di supporto agli enti proponenti.

Entro il 16 marzo 2021 gli Enti possono presentare le proposte progettuali.

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA