Edilizia, anche se aumentano addetti e fatturato, la crescita frena

230

Nel 2019 il comparto edilizia e costruzioni ha registrato un aumento del 2,6% del numero di addetti ai lavori e del 6% del fatturato, ma purtroppo anche una netta decelerazione della crescita: nel 2018 gli addetti erano cresciuti del 4,3% e il fatturato dell’8,8%.

A dare questi dati è l’Osservatorio bilanci SRL – Focus Edilizia, pubblicato dal Consiglio e dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti. L’analisi, fatta sulla base della banca dati AIDA – Bureau van Dijk, ha riguardato i bilanci 2018 di quasi 80.000 srl afferenti al comparto, pari al 14% del totale di srl attive.

Un dato interessante è che la crescita del fatturato (+6%, per oltre 65 miliardi di euro totali) è più elevata tra le imprese del macrocomparto lavori di costruzione e demolizione (+8,5%), seguita dalle Srl del macrocomparto della costruzione di edifici. A mostrare un leggero calo il comparto dell’ingegneria civile (-0,4%).

Per quanto riguarda i tre comparti minori – demolizione e preparazione del cantiere edile, completamento e finitura di edifici e altri lavori specializzati di costruzione – si registra una crescita del fatturato di circa il 10%. Il comparto dell’installazione di impianti cresce meno, attestandosi al 7,7%.

I macrocomparti della costruzione e dell’ingegneria civile, invece, hanno andamenti piuttosto differenziati: quello delle costruzioni di edifici, a fronte di una crescita del fatturato del 5,7% per la costruzione di edifici residenziali e non, registra un calo del comparto sviluppo di progetti immobiliari che vede il proprio fatturato complessivo diminuire dell’8,3%.

Il macrocomparto dell’ingegneria civile, invece, a fronte di una crescita del fatturato per il comparto della costruzione di strade e ferrovie del 7,7%, registra un calo del fatturato sia per il comparto della costruzione di opere di pubblica utilità (-3,7%) che della costruzione di opere di ingegneria civile (-14%).

A livello macro geografico, le performance migliori in termini di fatturato si rilevano nel Nord-est (+7,8%) mentre analizzando le singole regioni, sugli scudi Valle d’Aosta (+19,3%), Toscana (+13,8%), Veneto (+13%), Puglia (+12,5%) e Trentino Alto Adige (+11,5%). Buone anche le performance dell’Emilia Romagna (+10,9%) e della Sicilia (+10,8%).

 Se le grandi imprese, oltre 10 milioni di fatturato viaggiano con il vento in poppa, addetti +18% e fatturato +12,4%, quelle micro, ovvero fino a 350mila euro di fatturato, denotano una grande sofferenza con un calo degli addetti (-13,7%) e del fatturato (-3%).

Foto credit: annca

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA