Flooring. Il sistema massetto per superfici carrabili

1262

Vivo in un condominio di due villette con annesso un piazzale di 400 m2 utilizzato per la sosta delle auto. Il piazzale è costituito da un massetto cementizio tradizionale, dello spessore di 8 cm, lasciato a rustico e suddiviso a scacchiera con quadrati di 2m2 ciascuno mediante delle mattonelle in cemento dallo spessore di 5 cm e larhezza 20 cm. Già dopo 3 anni si sono formate delle pozzanghere, nelle zone di manovra dei mezzi, ed presente uno strato di usura superficiale dovute all’abrasione. Considerando che nel parcheggio si trova un numero di massimo tre automobili, come si può risolvere il problema? Come posso riparare lo strato superificiale?

La formazione delle pozzanghere e dell’usura dello strato supericiale sono dovuti all’assenza di specifiche resistenze meccaniche del massetto cementizio. Il continuo passaggio delle automobili, anche se in numero esiguo, per un arco temporale più o meno lungo, ha instaurato uno stato di sollecitazioni nello strato superficiale che ha portato al degrado e all’usura dello stesso.
Dato che lo strato interessato corrisponde a circa 2 cm e volendo evitare il rifacimento totale dello strato di sottofondo, è necessario mettere in opera un materiale dalle prestazioni meccaniche più elevate, capace di resistere sia agli sforzi di compressione che di trazione, flessione e usura.
La procedura prevede: asportare tutte le parti friabili e poco consistenti, consolidare la restante parte del sottofondo con un primer polimerico come il Consolidante Tradimalt e infine, ad asciugatura avvenuta, applicare un autolivellante tipo Level Tradimalt con addizionate fibre di rinforzo.
Il primer consolidante, trattandosi di una microemulsione acquosa di polimeri acrilici, penetra in profondità nel supporto e genera una maglia polimerica tridimensionale rafforzando il sottofondo.
Passato qualche giorno dall’applicazione del Consolidante applicare Level con aggiunte fibre metalliche o polimeriche di rinforzo strutturale per pavimentazione industriali.

Alessio Bertino, responsabile del laboratorio chimico Tradimalt, risponde alle domande in tema di applicazioni ed usi dei prodotti delle varie linee.

Per porre domande ai nostri tecnici è sufficiente inviare un’email a tecnica@tradimalt.com. I quesiti più interessanti verranno selezionati e pubblicati in questa rubrica.

NESSUN COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA