Differenze tra pitture ai silicati, acrilici e silossanici

23075

Opero nel settore edile da tanti anni e molte persone mi hanno parlato bene dei rivestimenti ai silicati senza però spiegarmi i loro reali pregi. Inoltre in molti citano indistintamente silicati, silossani e acrilici, confondendoli. Quali sono i reali vantaggi dei silicati?
Le differenze tra silicati e i prodotti acrilici o silossanici sono molto nette, chi li confonde non conosce appieno la loro natura chimica e le conseguenti nette differenze fisiche.
Con il termine silicati si intendono soluzioni di sale silicico di metalli alcalini (Litio, Sodio, Potassio etc.) che possiedono applicazioni in diversi settori industriali quali detergenti, trattamento delle acque, litografia, estrazione petrolifere e tanti altri.
Nel settore edile i prodotti realizzati con legante silicato, siano essi pitture, rivestimenti o consolidanti hanno una natura chimica interamente minerale a base di silicato di potassio. Il legante risulta essere inorganico e reagisce chimicamente con il supporto (silicizzazione) legandosi intimamente senza creare alcun film e lasciando inalterate le proprietà fisiche di permeabilità al vapore dello stesso supporto.
Applicati correttamente consentono la realizzazione di finiture di notevole valore estetico, sia per l’aspetto opaco (tipo calce) sia per l’aspetto “antichizzato”.
Per la natura fortemente alcalina e inorganica sono inattaccabile da muffe e batteri; non sfogliano, sono molto stabile cromaticamente anche in condizioni ambientali particolarmente aggressive.
Secondo la nuova norma DIN 18363 i prodotti a base di silicati devono contenere al massimo 5% in peso di sostanze organiche, sul prodotto verniciante totale.

Alessio Bertino, responsabile del laboratorio chimico Tradimalt, risponde alle domande in tema di applicazioni ed usi dei prodotti delle varie linee.

Per porre domande ai nostri tecnici è sufficiente inviare un’email a tecnica@tradimalt.com. I quesiti più interessanti verranno selezionati e pubblicati in questa rubrica.

4 COMMENTI

  1. buongiorno dovrei tinteggiare una casa di campagna in muratura con un intonaco macroporoso nuovo appena intonacato sono molto indeciso se usare i silicati o i silosanici che consigli mi potete dare? grazie

  2. Buongiorno,dovrei tinteggiare una casa in campagna,dopo aver ripristinato nella parte bassa delle pareti le parti in cui si vede una umidità di risalita.So che i materiali per il ripristino sono molto porosi ed ho sentito dire che la tinteggiatura a spessore di 2-3 mm.da sovrapporre dovrà essere a base di silicati.So anche che i silicati sono piu’
    traspiranti ma meno idrorepellenti dei silossani.A questo punto cosa scegliere per titeggiare l’intero edificio?
    Grazie

  3. Come sempre, questi articoli che dovrebbero far chiarezza e spiegare, non lo fanno. La spiegazione è molto lacunosa e manca la differenza tra gli intonaci ai silossani e acrilici.

    • Gentile Luca, l’articolo non si propone di affrontare in toto la tematica (ma effettivamente intuiamo che il titolo “Differenze tra pitture ai silicati, acrilici e silossanici” possa fuorviare, e a tal proposito stiamo considerando di modificarlo) bensì di rispondere esclusivamente al quesito posto dal nostro lettore circa i reali vantaggi dei silicati. La trattazione richiederebbe un articolo ben più approfondito, cosa che ci proponiamo di fare prossimamente. Grazie

SCRIVI UNA RISPOSTA